mercoledì 28 novembre 2018

Costruiamo il diritto alla città

Il diritto alla città è una definizione impropria, un diritto formalmente inesistente, ma che nella sostanza fa riferimento ad un complesso di diritti che sono riconosciuti dalla nostra costituzione, come il diritto alla libera circolazione e il diritto alla salute.
Pensare azioni che permettano di vivere la città, come cittadini, come comunità, significa pensare in concreto alla città come qualcosa che ci appartiene, che è nostro in maniera collettiva e non individuale, che è comune e al tempo stesso pubblico.
Per sviluppare queste azioni dobbiamo incontrarci, riflettere su come agire e poi agire in concreto, pretendendo spazi pubblici, strade libere, tutela dei più deboli, dei bambini, dei disabili, degli anziani. 
Ci incontriamo Giovedì 29/11/2018 alle ore 18,30 nella sede Fiab Gela di via Ossidiana, casa del volontariato, primo piano, per confrontarci su questi temi e pensare alle attività da fare per il 2019. 
Tutti insieme.

mercoledì 21 novembre 2018

TESSERAMENTO 2019

In questi anni il lavoro di Fiab è stato costante, non ci siamo limitati a fare semplici gite in bicicletta, cosa che ci piace, ma non è l'obiettivo. Come diciamo sempre la bici è il mezzo, l'obiettivo è la persona, il luogo in cui viviamo.
Le nostre battaglie guardano alla riconquista dello spazio pubblico, di quei luoghi che sono dei bambini, degli anziani, di chi ha una ridotta capacità motoria. Parliamo di intermodalità e di riduzione del traffico automobilistico. Non importa come sia alimentata un'automobile (diesel, benzina o elettricità) il vero dramma è che occupa spazio.

FIAB lavora per tutelare l'ambiente, per mettere le persone al centro del progetto, per ridare la città ai cittadini.

Per questo facciamo strada, incontriamo amministratori, organizziamo incontri, parliamo e diffondiamo le buone pratiche. Per questo motivo sostenere FIAB significa sostenere un progetto ben preciso.

Tesserarsi è un atto di impegno, non una donazione. Tesserarsi significa sottoscrivere un'azione civile per la propria città, per la propria famiglia, per gli amici e per gli sconosciuti.

Unisciti ancora una volta a questo progetto, andiamo  avanti insieme.

Tesseramento 2019 FIAB GELA Nanocicli
Info: fiabgela@gmail.com, mobile 3496185661

sabato 20 ottobre 2018

Anche questo è spazio pubblico, difendiamolo

Quel che resta del bar belvedere
In questi giorni caldi di inizio autunno le strade di Gela sono state, prima inondate da temporali  tropicali e, poi, hanno ricevuto il calore forte e l'odore acre del fuoco che brucia le cose degli uomini. Quel fuoco che ha bruciato le strutture di due locali e che ha solo annerito, per semplice fortuna, la porta di un bar.
Due locali distrutti, guarda caso realizzati in concessione di uno spazio pubblico. Una brutta storia che attenta a quello che più ci rende cittadini, comunità: il vivere in comune nel rispetto dell'altro.
E' simbolico che il bar Belvedere ed il lido Bcool Beach nascessero su luoghi di pubblica proprietà, perchè questa cosa amplifica ancora di più l'attacco alla città che con questi roghi è stato sferrato. Un attacco inaccettabile che nessun soggetto appartenente alla parte buona della nostra comunità può accettare in silenzio. 
Fiab Gela Nanocicli, per statuto e vocazione, non accetta questo stato di terrore e non può accettare la devastazione di quella che è la cosa più importante del vivere insieme: la fiducia nell'altro, la prossimità positiva, l'essere, appunto, una comunità. Questi attentanti incendiari sono un attacco fatto a tutti noi, al nostro essere gruppo, insieme, collettività. E per questo li condanniamo, perchè attaccano e distruggono tutto quello per cui agiamo e lavoriamo.
Alziamoci in piedi ed alziamo la voce contro questi gesti, condanniamoli con fermezza, senza restare in silenzio, senza avere il timore di pensare e dire che questi sono gesti e metodi di stampo mafioso che ci riportano indietro agli anni più neri della nostra storia. 
A noi la scelta, a noi il ruolo di ricacciare indietro questo rigurgito di violenza.
Ci battiamo come associazione ogni giorno per restituire un ambiente vivibile ai cittadini, con pazienza e perseveranza insistiamo sulla costruzione di un diritto alla città, un diritto ad essere comunità.
Proprio per questo, di fronte a questa situazione reagiamo con ancora più rabbia e determinazione, perchè quelle rivendicazioni fatte con tenacia nei luoghi istituzionali devono diventare una ferma pretesa di civiltà difronte a questi atti ignobili.
La città è il nostro spazio pubblico, difendiamolo.

Simone Morgana
Presidente Fiab Gela Nanocicli
Coordinatore Regionale Fiab Sicilia

giovedì 18 ottobre 2018

Negare lo spazio pubblico e mortificare la persona

Sosta selvaggia in centro storico a Gela
La fine del governo politico della città di Gela ha lasciato in dono una moltitudine di criticità nel campo della mobilità e della gestione dello spazio pubblico. In molti, come al solito, solleveranno la questione del "benaltrismo" per ricordarci che i problemi di Gela sono altri e non certo la gestione di qualche auto e di pochi parcheggi. Ma noi dissentiamo e, come spesso abbiamo ricordato, riteniamo che questo sia un serio problema sociale, con gravi ed incontrollate ricadute economiche. Volendo esagerare, senza alcun timore di dire una cosa sbagliata,  è giusto dire che siamo arrivati ad una vera e propria violazione dei diritti delle persone.
Gela città di mare; Gela città industriale; Gela città greca; Gela medievale, Gela agricola, artigianale e fantasiosa; Gela tante cose e nessuna insieme. Aggiungiamo all'elenco Gela città caotica e priva di controllo; Gela che danneggia i bambini, che non si prende cura delle persone, Gela che mortifica la maternità e la paternità; Gela che offende gli anziani e riduce a larve bisognose le persone con ridotta mobilità.
Guardarsi attorno oggi è come avere questa fotografia ripetuta in tutti i modi ed in tutte le varianti cromatiche. 
Il Centro storico federiciano, quello dentro le mura, è stato aperto alla deregolamentazione del traffico, con una totale negazione dello spazio pubblico per tutte quelle categorie di soggetti deboli che oggi non possono muoversi, perchè il loro spazio, lo spazio delle persone, è occupato dalle auto.
Lo spazio pubblico, il luogo pubblico appartiene alla gente ed oggi questo concetto di appartenenza è stato negato, con una zona a traffico limitato che non limita assolutamente nulla; una condizione di parcheggio selvaggio ed una impossibilità di muoversi in modo alternativo all'automobile.
I quartieri a nord della città sono quartieri vittime di uno spazio sventrato, dedicato alle automobili , con l'esaltazione della via Venezia, una strada statale priva di qualunque connotazione urbana, a fare da manifesto per la distruzione dei diritti delle persone, del diritto alla libera circolazione delle persone, al gioco stesso dei bambini.
Il fronte mare, la via del sud che è una superstrada dedicata alle automobili ed al loro parcheggio, dove nessuno ha diritto a vivere lo spazio meraviglioso di una città di mare.
Nessun intervento è stato fatto per restituire un diritto alla libera circolazione delle persone, per ridare e restituire lo spazio pubblico alla gente.
Qualcuno potrebbe dire che ci sono molte piazze e spazi vuoti. Concordiamo, ci sono tantissimi spazio vuoti. Quando uno spazio pubblico è vuoto qualcosa non funziona. E quello che oggi a Gela non ha effetto è il collegamento fra questi spazi. Luoghi a volte chiusi alle auto e per questo abbandonati. Sono loro stessi la dimostrazione che uno spazio pubblico non collegato alle persone, alla loro libertà di muoversi senza auto è uno spazio morto prima ancora che vuoto.
Ad oggi non esiste trasporto pubblico fruibile realmente a Gela e il muoversi in bici o a piedi è un sogno pericoloso. 
Non abbiamo assistito ad interventi strutturali e questo ha significato l'abbandono dei quartieri dai quali la gente si muove, con lo svilimento ed il crollo degli stessi prezzi degli immobili.
Non si è creduto nello spazio pubblico, nella sua connessione, non si è voluto credere nelle persone e le si è mortificate.
Crediamo che serva un cambiamento di rotta, una scelta sociale e politica ben precisa, che riporti al centro di tutto la persona ed il suo spazio.
In questo crediamo e per questo Fiab continua a lavorare.

Simone Morgana
Presidente Fiab Gela
Coordinatore Regionale Fiab Sicilia