mercoledì 25 maggio 2022

Una bici, una tenda, una notte: Ecco il Nightcamp 2022

Se guardi a sud, verso il confine meridionale della Sicilia, ti accorgi che la terra improvvisamente si apre, tracciando un canyon che scorre sempre più grande verso il mare. E' il punto in cui i monti Erei sfiorano quelli che diventano, ad oriente, i monti Iblei. La Piana di Gela si insinua docile fra queste basse catene montuose, non le spacca con foga, ma chiede quasi il permesso per allargarsi lentamente, una sorta di T capovolta con i piedi a nord e la testa verso l'Africa, divisa fra est e ovest con la città di Gela, l'antica Terranova di Sicilia, a fare da limite umano alle tracce della natura. In questo confine d'Europa, oltre il quale puoi solo decidere di andar per mare, trovi strade e trazzere, provinciali e vecchie carrareccie, che risalgono i colli bassi di quegli Erei docili, che hanno nomi sonanti, come il Gibliscemi, il Ganzaria, il Formaggio, e vette che non superano gli 800 mt di altitudine. In basso la pianura, stesa come un tappetto argilloso di fango invernale e arsura estiva, fatta, in graduale risalita, di grano e carciofi, mandorli e ulivi, rocce e grotte, vigneti e frutteti. Il pedalare qui diventa pausa e accelerazione, come una scoperta che si svela ad ogni curva lungo tracce e vie che sono isolate dal traffico veicolare. Parti dal mare, dal cuore dell'abitato di Gela e senti il sole che arroventa le pedivelle, lo vedi che cala ad occidente e lo segui verso i colli meridionali. Il mare lo percepisci appena e ti chiedi come sia possibile che la Sicilia sia solo pensata come terra di mare quando invece ha questa grande forza "terricola", interna, non sempre marinara. Segui torrenti in secca e vedi gheppi e poiane che presidiano caselli ferroviari abbandonati e masserie decadenti. L'itinerario dell'Alta Via dei Campi Geloi ti accompagna in parte per raggiungere il Camp, il NightCamp, il bivacco a Sud, sospeso tra i colli e la brezza marina. L'odore dell'erba trinciata lascia lo spazio alle tende, al chiacchiericcio della sera, al parlare di cicloturismo e di viaggi, birra ghiacciata in mano e fuoco acceso a illuminare
la notte, mentre qualcuno insegue una doccia fresca al chiaro di luna. La cena si fa incontro, le parole si fanno progetti e il Camp diventa rivoluzione, statuto di un modo di essere e di volere il territorio. Fino all'alba tiepida dell'estate sicula dopo una notte al fresco del frutteto. Raccogli le borse, riprendi la bici e scivoli piano verso il borgo medievale di Butera e poi ancora più giù, a ritroso su vie nuove verso il giallo chiaro dei campi che toccano il mare. Hai vissuto il Nightcamp, la notte del cicloturismo sull'Alta Via dei Campi Geloi, dove la meta vale quanto il viaggio, dove il viaggio è già la meta, dove il tuo percorso è l'incontro. Tutto questo e molto altro è il  Fiab Gela Night Camp 2022 il 25 e 26 giugno, per info e iscrizioni scrivete a fiabgela@gmail.com o whatsapp al 3496185661. 

martedì 17 maggio 2022

Tutti in bici senza rotelle (corso per imparare)

 


La bici è liberta ed autonomia, un mezzo di trasporto che per i bambini è anche gioco e scoperta.

Un gioco che però richiede la pratica dell'equilibrio, una pratica che va prima imparata e poi esercitata.

Lo facciamo nel pomeriggio di sabato 21/05/2022, dalle 15 alle 17, nel piazzale dell'Istituto Ettore Romagnoli a Gela.

Togliamo le rotelle e impariamo ad andare in bici da soli.

Note e programma

Corso per bambini dai 5 ai 9 anni

I bambini dovranno venire muniti di bici propria già priva di rotelle e dovranno essere accompagnati da almeno un genitore.

Ore 15 inizio corso

Ore 17 fine corso

Per iscriversi si dovrà inviare una mail all'indirizzo fiabgela@gmail.com o un messaggio whatsapp al 3496185661, indicando nome, cognome ed età del bambino.

E' previsto un contributo obbligatorio di € 2 per l'attivazione della copertura assicurativa, da versare il giorno del corso.


lunedì 16 maggio 2022

Bicycle Wine Routes - Sulle Strade del Vino



Lungo le colline di gesso che si alzano dolci dalla piana di Gela corrono strade antiche, fatte di storia e passaggi contadini. Vie di comunicazione che dal mare risalivano alle terre coltivate, dove i vigneti maturano al sole mediterraneo. Ripercorriamo questi itinerari, immersi nei suoni della campagna siciliana, risalendo i pendii dolci che lasciano la città per perdersi nella macchie di ulivi e vigna. 

Con la bici possiamo sentire il gusto del territorio, ascoltarne i suoni ed il tempo che la strada riesce a dare a chi ha la capacità di sentirla.

Per arrivare nel cuore di una piccola azienda che produce con cura e sapienza il vino delle terre nostre, degustando un buon calice di vino e osservando da vicino i filari al sole del tardo pomeriggio.

PROGRAMMA E NOTE

Data evento Domenica 05/06/2022

ore 16,00 Raduno in bici in piazza Umberto I

ore 16,15 Partenza (puntualissimi)

ore 17,15 Arrivo presso l'azienda Catalano Viticoltori e breve visita dei vigneti con degustazione

ore 20,00 Rientro a Gela

Lunghezza totale escursione: Km18 

Difficoltà: media (c'è una salita)

Non adatto a bambini di età inferiore agli anni 12

Le famiglie possono anche venire con seggiolini per bimbi !!!

Partecipazione aperta a tutti, soci e non soci

Contributo degustazione € 8,00 a persona

Aperitivo bambino € 4,00 a persona

Assicurazione obbligatoria € 2,00 a persona

Non adatto a bici da corsa

Obbligatorio avere con se riserva idrica adeguata, kit riparazione bici

Fortemente consigliato avere con se crema solare e repellente per insetti.

Le bici devono essere in perfetto stato con gomme gonfie e freni funzionanti.

POSSIBILITA' NOLEGGIO BICI A PEDALATA ASSISTITA A PREZZO CONVENZIONATO

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL 01/06/2022

PER INFO E ISCRIZIONI  fiabgela@gmail.com - whatsapp 3496185661

venerdì 6 maggio 2022

Giornata Europea delle Strade Scolastiche: Una giornata per i diritti di tutti

Oggi è la giornata Europea per chiedere l’attivazione delle strade scolastiche, in Italia il temine tecnico è zone scolastiche, ma a Gela non accade nulla. La cosa non ci stupisce, anche se come Fiab negli anni abbiamo organizzato diverse manifestazioni, in quest’occasione siamo rimasti ad aspettare una semplice azione di rispetto delle zone scolastiche esistenti. Perché se in molte città chiedono di attivarle la città di Gela, proprio con l’attuale amministrazione, ne ha attivate ben tre: In via Europa, in via Trapani e davanti la scuola Enrico Solito. Tolta per ovvi motivi l’esperienza della Solito (scuola chiusa), sono rimaste attive e non rispettate le zone scolastiche di via Trapani e via Europa. Ebbene si, Gela, ha già attivato la tutela dei bambini e dei ragazzi che frequentano quelle scuole, con la chiusura delle strade durante gli orari di ingresso e di uscita dagli istituti. Purtroppo, nonostante i cartelli di divieto, i tantissimi genitori ignorano la zona, scorrazzando in auto all’interno delle zone scolastiche senza minimamente preoccuparsi del divieto stesso. Qualcuno dirà che servono i controlli, certo, servirebbero, ma come Fiab chiediamo anche un maggiore senso di comunità, un comportamento attivo della cittadinanza lì dove sono gia state attivate azioni di tutela proprio dei bambini. Se oggi vogliamo davvero manifestare facciamolo spontaneamente, lasciamo l’auto a distanza dagli istituti scolastici, raggiungiamo la scuola a piedi o in bici, rinunciamo a dieci metri quadrati di lamiera che tolgono spazio alle persone e danneggiano la salute di tutti. Oggi è la giornata europea delle strade scolastiche, rispettiamo quelle che Gela ha avuto il coraggio di attivare e rendiamo di fatto strade scolastiche tutte le strade degli istituti. Se vogliamo davvero un cambiamento cominciamo a crearlo.

 Presidente Fiab Gela Simone Morgana